cenonecapodanno.com - cenoni, feste, discoteche, hotel, agriturismi, tutto su come passare il capodanno d'Italia

Ville e Castelli per Capodanno in Valle d'Aosta

Scopri le principali location storiche per festeggiare il capodanno in Valle d'Aosta

Scopri di seguito le migliori proposte in Ville e Castelli storici per celebrare il tuo ultimo giorno dell'anno in Valle d'Aosta. Per un evento unico nelle location storiche più belle e suggestive in Valle d'Aosta. Scopri alcune proposte in questa pagina.

Trova anche Proposte per Capodanno in Villa e Castello nelle principali località in Valle d'Aosta:

Per avere ulteriori informazioni su Ville e Castelli per Capodanno in Valle d'Aosta, contattaci mediante il modulo di contatto in fondo alla pagina.

La Valle D'Aosta, grazie alla conformazione geologica particolare, con la presenza di innumerevoli montagne e speroni rocciosi, ha permesso ai suoi dominatori di costruire numerosi castelli fortificati per difendersi dai nemici. Altri castelli venivano eretti dai signori del posto nel periodo del feudalesimo al solo scopo di stupire e affermare la propria superiorità rispetto al resto della popolazione. Iniziarono a proliferare nell’undicesimo secolo e, a oggi, se ne contano più di 130. Alcuni hanno mantenuto la propria conformazione originale, mentre altri sono stati riciclati come hotel di lusso, oppure adibiti a sede per musei o mostre permanenti, come nel caso del Forte di Bard. Il periodo di Capodanno è, sicuramente, uno dei periodi più suggestivi per visitarli, quando la loro bellezza medievale si integra alla perfezione con i paesaggi innevati che fanno da sfondo.

Quali sono i Castelli in Valle D'Aosta?

La Valle D'Aosta pullula di castelli, ma il più spettacolare è senza dubbio il Castello di Fènis. Perdersi a guardarlo durante il tramonto è un momento indescrivibile. La sua peculiarità è quella di non essere stato costruito sulla sommità di un promontorio, ma su una collinetta quasi pianeggiante. Le mura che lo circondano sono alte e solide e, al suo interno, potrete vedere una ricostruzione fedele delle sale e affreschi religiosi risalenti al 1400. Il Forte di Bard è uno dei migliori esempi di castello difensivo. Nel 1800 fu l’unica fortezza che riuscì a rallentare l’avanzata di Napoleone in Italia nonostante la presenza di soli 400 soldati austriaci. Il generale francese riuscì ad avere la meglio del Forte dopo due settimane di battaglia, solamente grazie all’astuzia dei suoi strateghi. Il castello sorge su un promontorio affacciato sulla Dora Baltea e oggi ospita varie mostre temporanee e una rivisitazione delle prigioni del tempo. Il Castello di Ussel si trova a Chatillon ed è un esempio perfetto per mostrare il cambiamento del concetto di architettura valdostana nel costruire le fortificazioni. Non si tratta più di un castello tipicamente medievale con torri e grosse mura, ma di una struttura monoblocco dalla quale escono solamente alcune torri. L’ultima evoluzione architettonica la ritroviamo nel Castello di Verres, un castello a pianta quadrata in unico blocco, salvato dal decadimento da un gruppo di intellettuali piemontesi legati al Medioevo. A pochi chilometri di distanza troviamo il Castello di Issogne nel quale potrete ammirare tantissimi affreschi d’epoca, ma soprattutto la fontana del melograno, una struttura in ferro eretta come simbolo di prosperità nel cortile della fortezza. Tra gli altri castelli presenti nella regione sono da ricordare anche il Castello di Cly, quello di Introd e il Castello Gamba che ospita opere pittoriche prevalentemente del ‘900 come quelle di Carrà, Pomodoro e Guttuso.

Quali sono le Dimore e Ville storiche in Valle D'Aosta?

La principale dimora storica della Valle D'Aosta è il Castel Savoia. Incastonato in un contesto fiabesco, fu commissionato dalla Regina Margherita a inizio ‘900 e divenne presto residenza fissa delle sue vacanze estive. Alla struttura principale sono integrati un grandissimo orto botanico, una gendarmeria e una piccola casetta intitolata a Carducci, il poeta preferito dalla Regina. Ma questa non è stata l’unica dimora dei Savoia in Valle D'Aosta, infatti Vittoria Emanuele II comprò, nel 1869, il Castello di Sarre per usarlo come residenza durante le sue lunghe battute di caccia e rimase di proprietà della famiglia reale fino al 1989. A Bard troviamo Casa Challant, risalente al XVI secolo, della quale si può ancora vedere parte della facciata originale, ornata con finte murature e da una fascia a motivi vegetali. Particolare è la decorazione dello spazio tra le finestre e il sottotetto dove troviamo alcuni ritratti incorniciati che ritraggono, probabilmente, alcuni degli esponenti più nobili della famiglia. Gli Challant, la famiglia aostana più potente del Medioevo, possedeva anche numerose altre dimore, tra cui quella di Ayas, oggi trasformata dalla regione nella sede degli artigiani costruttori di Sabot (calzatura di legno tipica della Valle).

Perché passare il Capodanno in Ville storiche e Castelli in Valle D'Aosta?

Passare il Capodanno in una tipica villa valdostana o in un castello medievale è sicuramente un’esperienza particolare per chiunque, da provare una volta nella vita. Troviamo proposte per tutte le tasche, più eleganti per coppie ma anche spartane per famiglie con bambini e coloro che vogliono festeggiare il nuovo anno con un gruppo di amici in un’atmosfera fiabesca. In regione alcuni castelli sono stati trasformati in hotel e Château di lusso che, oltre a imbandire il banchetto per il veglione di Capodanno, offrono la possibilità di pernottare all’interno della struttura, così da garantirvi una vacanza da Re. In alternativa, potete scegliere una delle dimore antiche che offrono questa possibilità, proponendo un pacchetto completo che include, oltre al cenone di Capodanno, anche la visita guidata alle varie attrazioni storico-artistiche della Valle D'Aosta. È sempre raccomandabile prenotare per tempo perché, solitamente, questi eventi hanno posti limitati.

Vedi anche altre offerte in Valle d'Aosta per capodanno:

CONTATTACI

Inserisci i numeri che vedi (controllo antispam):
7639
back to top